COME PREPARARE CORRETTAMENTE UN FILE

spazio

Requisiti minimi 

Il formato ottimale in cui inviarci i files per la stampa è PDF in alta risoluzione con abbondanza (0.5 cm) e crocini di taglio. Accettiamo anche files in formato JPG (sconsigliato) e TIFF (consigliato). 

 

Per ottenere una stampa di qualità i files devono avere preferibilmente una risoluzione di 300 dpi ed essere in quadricromia (CMYK: cyan, magenta, giallo, nero). Le immagini e i files che dovessero arrivare in RGB o con colori PANTONE saranno convertiti automaticamente in quadricromia con un profilo standard.

 

Ricorda bene che... 

Oltre ai requisiti minimi richiesti per inviare i files, consigliamo di seguire alcune semplici regole nell’impostare il formato del lavoro: 

 

Le misure finali del prodotto sono quelle indicate nella denominazione del prodotto stesso (ad esempio un biglietto da visita 8.5 x 5.5 avrà il formato finale di 8.5 x 5.5 cm). Nel caso di pieghevoli, carta intestata, block notes, il formato indicato è riferito al prodotto aperto, nella scheda tecnica viene anche indicato il formato finale del prodotto piegato (dove richiesto).

Il formato del file da inviare comprende il formato finale con abbondanza e crocini di taglio. Se invece avete lavori che non presentano elementi che escono dallo stampato (tipo fondini di colore o immagini) o il fondo è bianco, si possono inviare files senza abbondanza. 

NB. I file vengono comunque centrati nel formato del prodotto acquistato. 

 

Nel caso il lavoro preveda degli elementi (immagini, fondini, decorazioni varie) situati sul bordo dello stampato, è necessario aggiungere al formato finale un’area supplementare (denominata abbondanza) dove i vari elementi grafici proseguono fino al limite dell’abbondanza stessa che è di 5 mm. Questo perché a causa di tolleranze di lavorazione, si possono verificare piccole variazioni nel taglio dei prodotti e la presenza dell’abbondanza garantisce che tutti gli elementi risultino visibili integralmente, scongiurando il rischio di inestetici e indesiderati bordi bianchi.

 

È la distanza minima (5 mm) consigliata per posizionare testi o elementi che non devono assolutamente uscire dal formato. Così facendo evitiamo che questi rischino di essere tagliati perchè collocati troppo vicini al taglio (sempre in considerazione della tolleranza di lavorazione).

 

 

Per esportare correttamente un PDF con InDesign, inizialmente scaricate la "joboptions" (setting predifinito che consente di generare PDF già conformi alle specifiche di esportazione UTVI), poi seguite passo passo le seguenti istruzioni:

Installate il profilo PDF "UTVI" in questo modo:  


1. Dal menù FILE scegliere il comando "Predefiniti ADOBE PDF" e subito dopo il comando "Definisci"

 

 2. Si apre la finestra (vedi sotto): cliccate su "Carica" per inserire la Joboptions UTVI scaricata

 

3. Selezionate il profilo scaricato e cliccate su "Apri"

 

4. Una volta caricato, cliccate "Fine".

  

ESPORTARE CORRETTAMENTE UN PDF

1. Ora per esportare il vostro lavoro in PDF per la stampa scegliete dal menu "FILE" di InDesign "Predefiniti Adobe PDF" e scegliete il profilo che avete precedentemente caricato "UTVI"

 

2. Assegnate il nome corretto del vostro elaborato e cliccate su "Salva"

 

3. Appare ora la schermata di esportazione con la JOB UTVI già selezionata, cliccate su "Esporta" e il vostro lavoro sarà esportato correttamente.

 

Scaricati qui la JOB.

 

Se desiderate impostare voi il profilo PDF con le specifiche di UTVI seguite passo passo le seguenti indicazioni:

1. Per prima cosa scegliete dal menu File di InDesign "Predefiniti Adobe PDF" e succesivamente "Definisci"

 2. Dall'elenco scegliete "Stampa di alta qualità" e cliccate su "Nuovo"

 3. Assegnate il nome esempio UTVI e definite i vostri settaggi come indicato nelle immagini qui sotto

 4. Stessa cosa alla voce "Compressione"

 5. Stessa cosa alla voce "Indicatori e pagina al vivo"

 6. Anche alla voce "Output"

 7. ...e alla voce "Avanzate". Quindi cliccate "OK"

8. Ora cliccate su "Fine" e avete terminato il processo